9 attivisti climatici per adolescenti che lottano per il futuro del pianeta

Politica

La Gen Z ha assunto l'enorme compito di salvare il pianeta dalla distruzione futura e di garantire che avremo un futuro da guardare al futuro.

Di Marilyn Youth

24 luglio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Da un episodio dedicato al dramma della HBO Grandi piccole bugie per le piattaforme politiche dei candidati democratici del 2020, l'inevitabile realtà della crisi climatica è in prima linea nella mente di tutti - e per buoni motivi. Dal 1880, la temperatura globale è aumentata di 1,9 gradi Fahrenheit, con la maggior parte di questo riscaldamento negli ultimi 35 anni.





Mentre 1,9 gradi possono sembrare marginali, questo aumento ha portato a grandi cambiamenti climatici e ha un impatto negativo sull'ambiente. Gli scienziati hanno riportato una riduzione di quasi il 13% per decennio nel minimo del ghiaccio marino artico, un aumento delle tempeste più forti e più distruttive e un aumento dell'estinzione e del pericolo per gli animali, il tutto a causa dei cambiamenti climatici.

Mentre i politici iniziano a discutere delle leggi che cambiano la vita come il New Deal verde, un altro gruppo di attivisti ambientalisti ha iniziato la lotta per un cambiamento immediato. Prendendo spunto dai loro predecessori, la Generazione Z ha assunto l'enorme compito di salvare il pianeta dalla distruzione futura e di garantire che abbiano un futuro da guardare al futuro.

Conosci alcuni degli attivisti ambientali della Gen Z che sperano di cambiare il mondo, un passo alla volta.

1. Greta Thunberg, 16 anni

Candidata al premio Nobel per la pace, Greta Thunberg è la teenager svedese che si è fatta rapidamente strada in prima linea nel movimento per il clima e la giustizia. Nel 2018, Thunberg ha parlato dell'importanza dell'attivismo climatico di fronte a un gruppo di leader mondiali alle Nazioni Unite.

'Dato che i nostri leader si comportano come dei bambini, dovremo assumerci la responsabilità che avrebbero dovuto assumersi molto tempo fa', ha dichiarato Greta al vertice. 'Dobbiamo capire cosa ci hanno trattato le generazioni più anziane, quale pasticcio hanno creato che dobbiamo ripulire e vivere. Dobbiamo far sentire la nostra voce '.

Da allora Thunberg ha condotto una serie di scioperi scolastici a livello globale e ha parlato a sostegno delle manifestazioni di estinzione della ribellione ad aprile. L'adolescente ha recentemente annunciato che parlerà al Summit sul clima delle Nazioni Unite a New York a settembre e alla COP25 a Santiago, in Cile, a dicembre, ma non di persona. Thunberg non vola affatto a causa dell ''enorme impatto sul clima dell'aviazione'.

2. Katie Eder, 19 anni

La direttrice esecutiva di Future Coalition, la più grande rete di organizzazioni guidate dai giovani e organizzatori di giovani in tutto il paese, Katie Eder ha organizzato due scioperi climatici e ha contribuito alla formazione della campagna #AllEyesOnJuliana all'età di 19 anni.

Disse Eder Teen Vogue la sua ricerca della giustizia ambientale è iniziata in prima media, dopo aver letto quella di Al Gore Una verità scomoda.

'Ero così confuso, a quell'età, di come un problema come il cambiamento climatico potesse essere così grande e tuttavia sembrava che non si stesse facendo nulla per affrontare il problema', ha detto. 'Pensavo che l'unico modo in cui ciò potesse accadere fosse perché nessuno lo sapeva, e così per gran parte della scuola media mi sono dedicato a educare le persone ai cambiamenti climatici'.

stretto piccolo adolescente anale

Eder osserva che nel corso della storia, i giovani sono stati il ​​catalizzatore del cambiamento.

'Questa è la rivoluzione che salverà il nostro pianeta', ha detto. 'La nostra generazione non siederà in quanto i nostri futuri vengono distrutti intorno a noi'.

3. Jamie Margolin, 17

'La vita come la conosciamo sta finendo grazie ai cambiamenti climatici e alla rapida distruzione ambientale', ha detto Jamie Margolin Teen Vogue. 'Da giovane, mi viene sempre chiesto e mi aspetto di pianificare il mio futuro. Come posso pianificare e preoccuparmi del mio futuro quando i miei leader non stanno facendo lo stesso, lasciando invece la mia generazione e tutte le generazioni future con un pianeta inospitale e impossibile da sostenere per la civiltà '?

Annuncio pubblicitario

Il cofondatore e direttore esecutivo di Zero Hour, un movimento dedicato a dare voce alla generazione Z sui cambiamenti climatici, Margolin crede che la chiave di tutta la giustizia sia la giustizia climatica, raccontando Teen Vogue che risolvere correttamente il cambiamento climatico significa 'smantellare tutti i sistemi di oppressione che lo hanno causato in primo luogo'. La motivazione alla base del suo movimento è quella di promuovere un futuro più luminoso, non enfatizzare una 'gigantesca crisi esistenziale'.

Da quando ha fondato il suo movimento nel 2017, Zero Hour ha organizzato diverse azioni, tra cui giornate di lobby, proteste e diventando un'organizzazione a tutti gli effetti.

'Non siamo un movimento accaduto dall'oggi al domani', ha detto Margolin. E non è uno che scompare presto.

4. Nadia Nazar, 17 anni

Cofounder, co-esecutivo e art director di Zero Hour, Nadia Nazar si è unita a Margolin nel dare vita a questo movimento ambientalista. Insieme, le ragazze hanno contribuito a condurre un evento di tre giorni incentrato sull'attivismo dei cambiamenti climatici nel D.C.

Per Nazar, gli animali hanno prima ispirato il suo coinvolgimento nella lotta per la giustizia climatica.

'Quando ho saputo di come le specie sono state spinte all'estinzione a causa dei cambiamenti climatici, ho saputo che dovevo agire', ha detto Nazar Teen Vogue. Vegetariano dedicato, Nazar ritiene che l'agricoltura industriale animale sia un aspetto trascurato del movimento climatico, spiegando che l'industria rappresenta il 14,5% delle emissioni di gas serra nell'atmosfera. 'Le corporazioni hanno corrotto i nostri stili di vita e normalizzato così tante cose tossiche che non solo hanno danneggiato il nostro pianeta, ma le persone e la fauna selvatica che vivono su questo pianeta', ha detto.

Da quando ha contribuito a organizzare lo sciopero del clima giovanile del D.C. Il primo è stato il vertice sul clima giovanile che si è tenuto dal 12 al 14 luglio a Miami.

5. Isra Hirsi, 16 anni

Con una profonda passione per il cambiamento del mondo, Isra Hirsi si è interessata per la prima volta alla giustizia climatica al liceo, quando ha avuto l'opportunità di conoscere meglio la terra e il suo ambiente. Da allora, è entrata a far parte del collega ambientalista per adolescenti Haven Coleman nel cofondare e dirigere la dirigenza degli Stati Uniti Youth Climate Strike quest'anno. La prima manifestazione dell'organizzazione si è tenuta a marzo e ha visto migliaia di persone in tutto il mondo unirsi al movimento.

'Se non fermeremo presto la crisi climatica, quelli già colpiti saranno colpiti ancora di più e generazioni come la mia non avranno un futuro vivibile', ha detto Hirsi Teen Vogue.

Attualmente, Hirsi, la cui madre è il rappresentante degli Stati Uniti Ilhan Omar (D-Minn.), Sta aiutando gli Stati Uniti Youth Climate Strike a cercare di organizzare un dibattito sul clima per aiutare a educare gli elettori di età sulle posizioni dei candidati presidenziali sui cambiamenti climatici.

6. Alexandria Villasenor, 14

A 14 anni, Alexandria Villasenor si è già affermata come ambientalista adolescente. Dedicata all'attivismo per il clima, l'adolescente è famosa per le sue proteste individuali al di fuori delle Nazioni Unite il venerdì, quando salta la scuola per sedersi su una panchina all'esterno dell'edificio. Il suo sciopero è iniziato in segno di solidarietà con la richiesta di Greta Thunberg di scioperi scolastici in Europa.

Villasenor è anche coinvolto con la Youth Climate Strike degli Stati Uniti ed è il fondatore di Earth Uprising, un'organizzazione dedicata alla lotta ai cambiamenti climatici.

Ha detto Villasenor Teen Vogue il suo attivismo è iniziato poco dopo il devastante Camp Fire in California dell'anno scorso. All'epoca visitava la famiglia nel nord della California.

'Ho l'asma e, per motivi di sicurezza, la mia famiglia ha dovuto rimandarmi a New York City. Quando sono tornato, ho iniziato a studiare la connessione tra i cambiamenti climatici e gli incendi e ho scoperto che gli incendi stanno bruciando più a lungo e più a causa dei cambiamenti climatici ', ha spiegato Villasenor. 'Ho visto anche il discorso COP24 di Greta e ho pensato che i leader mondiali avrebbero preso provvedimenti per ridurre le emissioni di gas serra. Quando non lo fecero, ero sconvolta, ed è stato l'ultimo giorno della COP24, il 14 dicembre, che ho iniziato il mio sciopero all'U.N '.

come faccio a pescare qualcuno?
Annuncio pubblicitario

Quest'estate, Villasenor sta aiutando Earth Uprising a lanciare la campagna #ClimateStrikeSummer, in cui i partecipanti trascorrono otto venerdì in sciopero al di fuori di varie aziende che devono affrontare il cambiamento climatico.

7. Haven Coleman, 13

I bradipi erano il principale motivatore dell'immersione di Haven Coleman nell'attivismo ambientale. Lei disse Teen Vogue che una lezione di quinta elementare sulla deforestazione è stata il catalizzatore del suo impegno a porre fine ai cambiamenti climatici.

'Ero così arrabbiato che stavamo rendendo il mondo così malato e ferendo così tante persone, uccidendo così tante persone. Sapevo che non si trattava di salvare i bradipi, si trattava di salvare tutti gli organismi che vivono su di esso ', ha detto Coleman Teen Vogue. 'Ho iniziato a educare me stesso, poi i miei genitori, poi i bambini in diverse scuole facendo presentazioni; poi ho iniziato a parlare con i politici, a manifestazioni e manifestazioni. Stavo facendo tutto il possibile '.

Avendo partecipato al lavoro sul clima da quando aveva 10 anni, la transizione di Coleman alla fondazione della sua organizzazione focalizzata sul clima era solo naturale.

'Milioni di persone saranno sfollate, milioni moriranno di fame, miliardi di piante, animali e organismi si estingueranno', ha detto. 'Tanto dolore e sofferenza per tutte le cose che vivono su questa terra - tutte fatte da noi. Questa è una lotta che determinerà la vita e la morte di così tanti; questa è una lotta per cui vale la pena lottare '.

8. Xiuhtezcatl Martinez, 19

Il regista giovanile di Earth Guardians e autore del libro Ci alziamo, Xiuhtezcatl Martinez è un attivista del clima indigeno che usa la sua voce sia come artista hip-hop che come ambientalista per guidare un movimento globale, guidato dai giovani, dedicato alla protezione della terra. Ora 19, Martinez ha iniziato il suo attivismo a sei anni, parlando ai vertici climatici di tutto il mondo. Ha anche parlato all'assemblea generale delle Nazioni Unite e ha ricevuto il premio U.S. Community Service Award 2013 dal presidente Barack Obama, il tutto prima dei 20 anni.

Martinez è forse più noto per la sua causa contro il governo degli Stati Uniti. Nel Juliana vs.U.S., presentato per la prima volta nel 2015, ha sostenuto che il governo federale non è riuscito a limitare gli effetti dei cambiamenti climatici. Martinez ha anche lavorato a livello locale per rimuovere i pesticidi dai parchi pubblici, contenere ceneri di carbone e porre moratorie sul fracking nel suo stato d'origine, il Colorado. Nel 2020, Martinez potrà votare alle sue prime elezioni presidenziali. In un editoriale per Teen Vogue, ha spiegato perché supporterà il senatore Bernie Sanders nelle primarie presidenziali democratiche del 2020.

9. Jayden Foytlin, 15

Un membro di Teen Vogue21 della classe Under 21 del 2018, Jayden Foytlin è diventato uno dei principali attori nella lotta contro il riscaldamento globale mentre era ancora al liceo. Foytlin, un adolescente indigeno e cajun, è una delle 21 persone (incluso Martinez) che ha citato in giudizio il governo federale in Juliana v. Brevetto U.S. Insieme a sua madre, Foytlin sta anche protestando contro il gasdotto Bayou Bridge, che trasporterà petrolio dal gasdotto Dakota in Louisiana, lo stato di origine di Foytlin.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Non puoi semplicemente 'ripulire' la plastica nell'oceano. Ecco perché.