Come essere coinvolti nell'attivismo per la prima volta

Politica

Come essere coinvolti nell'attivismo per la prima volta

Teen Vogue's Discorso civile 101 è composto da membri dello staff di Amnesty International USA, che rispondono alle domande dei giovani attivisti nell'ambito del suo intervento # Right2Protest serie. Per inviare la tua domanda che potrebbe essere presente in una delle prossime colonne, vai sul loro Tumblr.

miglior trattamento dell'acne per adolescenti
2 gennaio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
MILANO, ITALIA - 8 MARZO: Gli studenti prendono parte a una manifestazione, manifestando contro la violenza di genere e invocando la parità di genere l'8 marzo 2018 a Milano, Italia. La Giornata internazionale della donna è una giornata globale osservata l'8 marzo di ogni anno, che celebra le conquiste sociali e politiche delle donne. (Foto di Emanuele Cremaschi / Getty Images) Foto di Emanuele Cremaschi / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

dreamingdean ha detto: Come posso iniziare il nuovo anno rendendo il mondo un posto migliore?

Può essere difficile capire il modo migliore per aiutare, ma ci sono molte azioni che possono creare un impatto positivo sulla comunità intorno a te. Queste azioni, sia grandi che piccole, hanno risultati significativi.

Quando inizi il tuo viaggio nel mondo dell'attivismo, le opzioni possono sembrare in qualche modo schiaccianti. Attualmente, ci sono centinaia di meravigliose campagne incentrate su vari problemi, ma sei solo una persona. Ecco perché iniziamo da ...

Passaggio 1: trovare le tue passioni.

Educare te stesso su diverse organizzazioni e coinvolgerti maggiormente in quelli a cui ti senti maggiormente connesso o ispirato. Ad esempio, se ti senti fortemente nei confronti dei diritti umani, allora Amnesty International, la più grande organizzazione di base per i diritti umani, dove lavoro, sarebbe una buona scelta per te. Ci sono organizzazioni locali che servono direttamente le comunità, che è anche un buon punto di partenza.

Step 2: Impara!

Dopo aver identificato un'area che ti interessa, è tempo di saperne di più. Entra in contatto con gruppi scolastici o locali che a loro volta sono collegati a organizzazioni che coprono problemi che ti interessano. Prendere l'iniziativa di far parte di questi gruppi - o persino avviarli da soli - crea un senso di comunità tra te e i tuoi compagni attivisti! C'è potere nei numeri e i gruppi locali sono gli ingranaggi dell'orologio delle organizzazioni.

Quindi, informati sul problema su cui vuoi lavorare. Quando possibile, parla con le persone che sono personalmente interessate dal tuo problema e ottieni una prospettiva su come essere un alleato.

Il terzo sta implementando l'uso di IDEA nella tua vita quotidiana. IDEA è un acronimo; sta per 'inclusione, diversità, equità e accessibilità'.

  • Inclusione: creare uno spazio in cui tutte le persone siano accolte, viste, ascoltate e apprezzate come se stesse.
  • Diversità: assicurare la differenza e la varietà sono presenti o rappresentati in una determinata situazione, luogo o contesto.
  • Equità: identificare e smantellare le strutture che causano luoghi di partenza differenziati per persone diverse e adottare misure proattive che aumentano l'equità e la trasparenza.
  • Accessibilità: sviluppo e attuazione di risorse, pratiche, politiche e sistemazioni che abbattono le barriere e forniscono punti di ingresso a tutte le persone per partecipare pienamente.

Ricordare IDEA nella vita di tutti i giorni creerà un ambiente più sicuro e più giusto per te e le persone. È un piccolo passo che può creare una grande differenza nella vita di molti.

Passaggio 3: agire!

Agire può essere fatto in entrambi i modi grandi e piccoli. È tutto basato su ciò che ti fa sentire a tuo agio. Se non vuoi iniziare immediatamente con azioni di grandi dimensioni, va benissimo. Ogni piccolo passo è altrettanto importante e tutto fa la differenza.

Ecco alcune azioni che puoi intraprendere per ispirare una modifica:

  • lobbying: Questa è l'azione del tentativo di influenzare i funzionari eletti a vedere una questione dal punto di vista dei diritti umani e votare di conseguenza. Può essere realizzato attraverso petizioni, banche telefoniche, lettere o persino e-mail, in qualsiasi modo per condividere la tua prospettiva e influenzare i diritti umani. Volontariato: Il volontariato negli eventi locali relativi all'argomento che stai cercando di migliorare è produttivo. Se vuoi un'esperienza più pratica nel tuo lavoro di attivismo, questa è la scelta perfetta per te!
  • Progetti creativi: Questo include musica, dipinti, pezzi da esposizione - tutto accattivante e diverso. Se trovi che il modo migliore per esprimere i tuoi sentimenti è attraverso l'arte, allora vai avanti! L'arte è un modo emozionante e bello per difendere ciò in cui credi.
  • Campagne di social media: I social media hanno il potenziale per unire le persone. La creazione di una campagna sui social media a sostegno del tuo argomento o organizzazione apre un mondo a nuovi possibili attivisti.

Se non hai tempo per compiere queste azioni ogni giorno, è completamente comprensibile. Ci sono piccole cose che tutti possono fare quotidianamente e che avranno anche successo. Per uno, è importante pensare a quello che dici, prima di dirlo. Se vedi l'ingiustizia, non limitarti a stare in piedi. In una stanza di silenzio, sii il grido assordante della giustizia; alzati e con quelli che vengono maltrattati. Inoltre, se c'è una discussione, fai sentire la tua voce. Le opinioni non possono essere cambiate senza conversazione.

Passaggio 4: perseverare.

i tamponi rompono un imene

L'attivismo non è un lavoro facile, soprattutto se inizi a partecipare alle proteste e a partecipare ad azioni negli spazi pubblici. In tempi difficili, quando è più importante parlare, può sembrare ancora più difficile. Ogni volta che questi sentimenti iniziano a insinuarsi, rivolgiti agli amici e ricorda che milioni in tutto il mondo hanno obiettivi per migliorare la nostra comunità globale. Non sei solo: ognuno di noi è importante.

Questo articolo è stato scritto da Zainab Shamim per Amnesty International USA.