John Legend ha scritto un potente op-ed su una politica razzista della Louisiana

Politica

'Siamo a un bivio, con l'opportunità di correggere questo errore di vecchia data'.

Di Jameelah Nasheed

ezra miller poly
14 agosto 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Ian Gavan
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Il patrocinio di John Legend per la riforma della giustizia penale lo ha portato in Louisiana - precedentemente nota come la 'capitale carceraria mondiale' - oltre un anno fa, nel tentativo di sostenere molteplici riforme. Secondo l'American Civil Liberties Union, le riforme Legend aiutarono il campione alla fine a portare il tasso di detenzione della Louisiana al secondo posto in America.





Nonostante questi progressi, in un nuovo editoriale per il Washington Post, La leggenda ha scritto: 'Il lavoro è tutt'altro che finito. Rimane ancora nella costituzione dello stato un provvedimento di 120 anni messo in atto per reprimere i diritti degli afroamericani: giurie non unanimi.

La legge a cui si riferisce la leggenda è la legge del verdetto diviso secondo cui le persone in Louisiana possono essere condannate per reati gravi senza un voto unanime da parte della giuria - il che significa che è sufficiente un voto 10-2 per mandare qualcuno in prigione. La leggenda discute del fatto che la Louisiana è uno dei due stati (l'altro stato è l'Oregon) che applica questa legge.

Secondo l'opera editoriale di Legend e L'avvocato, la legge della Louisiana è radicata nella supremazia bianca. Secondo L'economista, durante i suoi primi 80 anni come stato, la Louisiana - come gli altri 48 stati di oggi - fatto richiedono verdetti unanimi. La crescente popolazione statale di persone libere di razza mista (molte di origine spagnola o francese a seguito della colonizzazione) indusse i legislatori a creare questa legge in una convenzione costituzionale del 1898 in modo che se alcune persone di colore facessero parte di una giuria, i loro voti potevano essere ignorato.

L'avvocato condotto un'analisi e scoperto che il 40% delle condanne giudiziarie è arrivato dopo che uno o due giurati non hanno votato come gli altri giurati. La percentuale è salita a 43 per gli imputati neri, contro una riduzione al 33% per gli imputati bianchi.

Nel maggio 2018, L'avvocato ha riferito che la Camera dei rappresentanti della Louisiana ha votato per consentire agli elettori statali alle elezioni di novembre la possibilità di decidere se questa legge rimarrà o meno. La mossa per un emendamento costituzionale per porre fine alla pratica dell'era Jim Crow è sostenuta da entrambi i gruppi liberali e conservatori dello stato.

'Siamo a un bivio, con l'opportunità di correggere questo errore di vecchia data', ha scritto Legend del prossimo voto. 'Vieni a novembre, gli elettori avranno l'opportunità di abbattere la regola discriminatoria e difendere la giustizia per tutti'.

tote bag di scuola

'La questione del voto è del tutto indipendente', ha continuato Legend. Forze potenti nello stato sono resistenti ai cambiamenti, con alcuni procuratori distrettuali che lottano per mantenere il dominio della giuria perché rende più facile per i pubblici ministeri ottenere condanne.

'La fine della regola della giuria 10-2 in Louisiana non risolverà il problema dell'incarcerazione di massa o lo smantellamento della supremazia bianca, ma sarà un duro colpo per entrambi', ha scritto Legend. 'È tempo di riunirsi, respingere i pregiudizi in tutte le sue forme e costruire un futuro in cui tutti siano apprezzati e sostenuti. La convenzione costituzionale del 1898 riguardava la negazione della voce all'espressione di tutti i cittadini della Louisiana. Questa votazione a novembre riguarda il ritorno della Louisiana alla sua voce '.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: John Legend spiega come questo disegno di legge potrebbe aiutare a riformare l'incarcerazione giovanile