Incontra Zev Dickstein Shapiro, il diciassettenne che sta creando 'Turnout', un'app di mobilitazione per attivisti adolescenti

Politica

'La maggior parte dei giovani non è su Facebook'.

Di Rachel Janfaza

23 luglio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Portland Press Herald
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Zev Dickstein Shapiro, un imprenditore di 17 anni di Cambridge, Massachusetts, sta rivoluzionando il gioco dei social media. La sua nuova app, Turnout, fungerà da social network di nicchia per i giovani attivisti. Inteso a lanciare questo autunno, Turnout collega gli organizzatori locali dei giovani, informa i giovani sugli eventi in corso nella zona e fornisce risorse per azioni come la registrazione degli elettori e il raggiungimento dei legislatori.





Lavorando con un team di informatici, appassionati di tecnologia e compagni di scuola superiore, Shapiro ha usato la sua acutezza politica per riunire un gruppo di persone competenti nell'organizzazione sociale moderna.

Shapiro non è un nuovo arrivato in politica. All'età di nove anni, si è trovato deluso dalla mancanza di accesso a cibo buono e sano nella sua scuola pubblica di Cambridge, quindi ha avviato una petizione per creare un buffet di insalate.

'Questo era un problema di equità perché molti studenti non potevano permettersi di portare un pranzo da casa ed erano, in un certo senso, costretti a pranzare a scuola', dice Shapiro Teen Vogue. 'Ho organizzato la comunità - preside, studenti, insegnanti - attorno a questa petizione. Siamo andati al comitato scolastico ed è stato approvato all'unanimità '.

Questo modesto risultato ha suscitato l'interesse di Shapiro per la politica in tutto lo stato, spingendolo a fare volontariato per politici, tra cui il senatore Ed Markey, il procuratore generale Maura Healey e la senatrice Elizabeth Warren. Solo nel 2012, Shapiro afferma di aver bussato a 10.000 porte per conto di Warren.

Nel 2014, Warren ha invitato Shapiro nello Stato dell'Unione come sua ospite.

ariana grande si fa un tatuaggio

https://twitter.com/senwarren/status/428274861891280896

'Sono stato davvero sorpreso quando ha chiamato per invitarmi', dice Shapiro. 'Non era qualcosa che avevo pensato di fare o di cui sapevo, ma è stata un'opportunità davvero eccitante ... Mi ha ispirato di più a vedere come possiamo coinvolgere ancora più giovani che hanno energia e potere, e come noi può tradurre quell'energia in potenza '.

Più recentemente, Shapiro ha usato quell'energia per sfruttare il sostegno degli studenti per il MA Civics Bill, che espande l'educazione civica nelle scuole superiori. È stato firmato in legge a novembre.

Poi arrivò il Volume d'affari.

Mentre frequentava scioperi e marce in memoria delle sparatorie di massa alla Marjory Stoneman Douglas High School, Shapiro ha intervistato i suoi colleghi su come hanno scoperto questi eventi e perché hanno scelto di partecipare.

'Quello che ho scoperto è stato che le persone l'hanno davvero imparato per fortuna', dice Shapiro. 'Il testo di un amico o Snapchat o Instagram. Ma continuavano a dire che sarebbero stati più coinvolti se ci fosse un nesso per vedere dove fossero i loro amici e chi fosse coinvolto in tutto lo spettro '.

Annuncio pubblicitario

'È così che mi è venuta l'idea di pensare all'unico strumento che potesse riunire il nostro talento, la nostra motivazione e le nostre capacità', spiega. 'La tecnologia per il bene è ciò di cui ci occupiamo: essere la generazione più influente, potente e attiva della storia'.

Un mock-up pubblicato online mostra che Turnout includerà un feed di attività domestiche in cui gli utenti possono vedere su cosa stanno lavorando amici o organizzazioni, una pagina di chat di gruppo, risorse locali, calendario degli eventi e profilo personale. Gli utenti saranno invitati a seguire le organizzazioni e i compagni attivisti. Shapiro ha dichiarato che l'app invierà anche promemoria di voto e informazioni sulla registrazione degli elettori, collaborando con TurboVote per registrare gli utenti al voto.

'La maggior parte dei giovani, se sono su Facebook, non sono attivi. Ma la maggior parte dei giovani non è su Facebook ', dice Shapiro Teen Vogue. 'Questo è uno strumento organizzativo per altre generazioni. Stiamo usando Instagram e Snapchat e quelli non sono strumenti di successo per l'organizzazione a causa del modo in cui sono strutturati '.

Shapiro e il suo team hanno condotto uno studio su quasi 50 piattaforme, comprese quelle che lui chiama le 'tradizionali' piattaforme di social media, ma anche piattaforme di tecnologia civica e app di chat di gruppo come GroupMe e Slack. Ha suggerito che questi servizi non sono in grado di sostenere una cultura dell'attivismo.

'Queste piattaforme sono utili per i momenti, ma non offrono la possibilità di coinvolgere le persone a lungo termine', sottolinea Shapiro. 'Pensiamo che la tecnologia possa essere la chiave per questa generazione per avere il maggiore impatto sulla nostra democrazia'.

In un momento in cui la regolamentazione dei social media è un argomento caldo, Turnout sta prendendo provvedimenti per considerare le migliori pratiche per la moderazione dei contenuti online. Il verdetto finale sulle politiche di curazione dei contenuti di Turnout non è ancora stato deciso, ma Shapiro suggerisce che l'app avrà funzionalità e procedure di segnalazione per gli avvisi.

Sebbene il Volume d'affari sia una piattaforma non-partigiano, il gruppo produrrà una serie di valori che hanno a che fare con la giustizia sociale. Agli utenti verrà chiesto di rispettare i termini della politica di accordo di Turnout. Firmando l'accordo, 'la gente acconsentirà ad essere conforme ai nostri valori', afferma Shapiro.

Guardando al 2020, Shapiro ha obiettivi ambiziosi. Intende portare l'affluenza degli elettori tra i minori di 29 anni da circa il 31% a metà 2018 ad almeno il 65% entro il 2020.

Ma non gli interessa solo segnare vittorie elettorali a breve termine.

la vagina profuma di aceto

'Vogliamo coinvolgere le persone durante tutto l'anno', afferma. 'Non solo un giorno'.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Questi giornalisti studenteschi del Massachusetts hanno esposto l'uso del lavoro penitenziario nelle scuole superiori