Gli adolescenti con roulotte migranti parlano di com'è ottenere il ciclo mestruale

Identità

Gli adolescenti con roulotte migranti parlano di com'è ottenere il ciclo mestruale

'Dobbiamo fare la doccia in mutande e poi a volte entrano i ragazzi'.

20 dicembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
ALFREDO ESTRELLA / AFP / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Quando Hilda Alejandra Lara Perez, 21 anni, stava camminando con la carovana di migranti attraverso il sud del Messico, il suo ciclo mestruale arrivò un giorno prima e la colse di sorpresa. 'Non avevo i pad perché non me lo aspettavo', racconta Teen Vogue. 'Normalmente il mio ciclo arriva in ritardo, ma questa volta è arrivato presto'. Fortunatamente, un'altra donna con la roulotte è stata in grado di aiutarla e ha condiviso una scorta.



Come la donna che ha aiutato Hilda, le persone in fuga dai loro paesi d'origine nella speranza di chiedere asilo negli Stati Uniti come parte della carovana di migranti erano relativamente preparate per le mestruazioni, in parte grazie alle organizzazioni di aiuto che donavano scorte. 'La gente ci ha dato degli elettrodi', dice Jennifer Vargas, 19 anni, che teneva un pacchetto con sé nel suo zaino grande come una scuola, alcune delle uniche cose che aveva con sé.

Quando la prima carovana di migranti proveniente dall'Honduras, dal Guatemala e da El Salvador si fermò per quasi una settimana presso la Ciudad Deportiva Magdalena Mixhuca a Città del Messico, nel parcheggio parcheggiarono pacchi sfusi di cuscinetti impilati alti due piedi per le persone che ne avevano bisogno prendi gratis. In precedenza, a Veracruz, le associazioni di beneficenza avevano fornito cuscinetti e nuove paia di biancheria intima da donna alle fermate di sosta.

Mentre l'offerta non era un problema per le mestruazioni sulla roulotte, trovare bagni puliti e un posto privato dove cambiare era un'altra storia: una sfida che gli sfollati spesso affrontano. La dott.ssa Marni Sommer, DrPH, che ha collaborato con l'International Rescue Committee per vedere come le organizzazioni possono gestire meglio l'igiene mestruale in situazioni di emergenza, ha parlato con donne e ragazze sfollate in Myanmar e Libano per la ricerca. Successivamente, ha scritto in La conversazione: 'Ciò che abbiamo scoperto è che le principali difficoltà che le donne e le ragazze hanno affrontato sono andate oltre la necessità di materiali e includevano una mancanza di privacy e strutture per gestire le loro mestruazioni'.

'Per le donne e le ragazze sfollate a causa di conflitti o calamità naturali', ha continuato, 'gestire i loro periodi mensili può essere una sfida. (...) Senza la capacità di gestire correttamente i loro periodi, le donne e le ragazze sono sempre più vulnerabili nella loro vita quotidiana. Li rende più suscettibili alla violenza di genere e sessuale in quanto cercano materiali adeguati e luoghi privati ​​per lavare, asciugare e smaltire i materiali usati ».

In alcuni rifugi lungo il percorso della carovana dei migranti, come quelli di Queretaro, Cordova e Guadalajara, c'erano bagni per uomini e donne in stile comunitario: pensa a docce aperte, come quelle che trovi nelle piscine pubbliche. Ma in altri luoghi, come il rifugio a Città del Messico e un centro sportivo dove i migranti hanno alloggiato per la prima volta a Tijuana, non c'erano nemmeno strutture reali. Per fare la doccia, alcune persone uscivano all'aperto e attingevano acqua dai serbatoi di plastica. Usando un secchio, avrebbero spruzzato acqua sui loro corpi a vista, sperando che il drenaggio si immergesse nell'erba.

masterbating con il telefono

Hilda dice che anche quando ha cercato di trovare un posto privato per fare la doccia e andare di lato, c'erano sempre molte persone. Jennifer dice: 'Dobbiamo fare la doccia in mutande e poi a volte i ragazzi entrano'. Riassume: 'È complicato'.

Un'altra giovane donna, Karla, 24 anni, che ha rifiutato di dare il suo cognome, racconta Teen Vogue che forse a causa del camminare, almeno il suo ciclo era durato solo tre giorni. Hilda dice lo stesso.

Ma ora la maggior parte della carovana si è fermata a Tijuana, dove sono ospitati a El Barretal, una vecchia sede di concerti, dopo che il complesso sportivo è stato allagato dalla pioggia. Secondo il dottor Sommer, ciò di cui hanno bisogno le persone che mestruano nei campi e nei rifugi è l'accesso a strutture private sicure dove possono cambiare, fare il bagno e lavare i loro materiali mestruali con discrezione. Maria Inestroza di Pure Water for the World, un'organizzazione benefica che aiuta con i servizi igienico-sanitari, l'acqua e l'educazione in Honduras, è d'accordo. 'Le donne hanno bisogno di spazio per cambiare i loro cuscinetti. È un momento intimo ', racconta Teen Vogue.

Annuncio pubblicitario

Inoltre, è importante che le organizzazioni che lavorano con migranti, richiedenti asilo e rifugiati siano consapevoli delle sensibilità culturali. Come Teen Vogue ha documentato in altre parti del mondo, le mestruazioni sono spesso trattate come un argomento tabù. Maria Inestroza, cresciuta in Honduras, dice: 'È un argomento che devi tenere per te. Anche in città, se vai al mini-market per comprare un pad, la persona che vende un pad lo avvolgerà in un giornale in modo che la gente non lo veda '.

E, dice, 'Non donare tamponi. La maggior parte delle donne pensa che perderà la verginità se indosserà dei tamponi. Non è nulla di cui abbiamo paura, ma è qualcosa che ci è stato detto dai nostri genitori, e ha continuato per generazioni.

Ma sulla roulotte, sembra che la praticità, per la maggior parte, trionfi su qualsiasi tabù. Molte delle giovani donne erano felici di parlare pragmaticamente dell'argomento e condividere le loro esperienze, anche se Jennifer non ne parlava ancora di fronte a suo fratello, che si sedette accanto a lei sul retro di un semirimorchio durante una parte del loro viaggio . Parlò del suo periodo in cui suo fratello non era nei paraggi, ma quando si avvicinò, lo spinse via. 'Siamo impegnati'!

Lasciaci scivolare nei tuoi DM. Iscriviti al Teen Vogue email giornaliera.

perché il mio cazzo ha un cattivo odore?

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.