Roxsana Hernandez, una transessuale dell'Honduran di 33 anni, è morta sotto la custodia dell'ICE tra preoccupazioni

Politica

Roxsana Hernandez, una transessuale dell'Honduran di 33 anni, è morta sotto la custodia dell'ICE tra preoccupazioni

Il Transgender Law Center ritiene di aver subito 'aggressioni e abusi fisici' durante la detenzione.

4 dicembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Pacific Press
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

La scorsa primavera, la 33enne Roxsana Hernandez si è unita alla carovana centroamericana che sta tentando di attraversare il confine tra Stati Uniti e Messico per chiedere asilo negli Stati Uniti. Alla fine di maggio, secondo quanto riferito, è morta dopo essere stata maltrattata fisicamente mentre era in cura dell'Immigration and Customs Enforcement statunitense (ICE), secondo il Transgender Law Center. Roxsana, una donna transessuale, era fuggita dalla violenza nel paese d'origine dell'Honduras.

In un comunicato stampa del 25 maggio, l'ICE afferma che il 17 maggio, Hernandez è stata 'ricoverata al Cibola General Hospital con sintomi di polmonite, disidratazione e complicanze associate all'HIV' e ha affermato che la sua causa principale di morte era l'arresto cardiaco. Un'autopsia privata richiesta dalla sua famiglia e pagata dal Transgender Law Center afferma che 'ha subito aggressioni e abusi fisici durante la custodia'. L'ICE non ha rivelato pubblicamente perché Hernandez è stato arrestato; Teen Vogue ha chiesto chiarimenti.

Secondo quanto riferito, Roxsana aveva tentato di vivere negli Stati Uniti in precedenza ed era stato espulso tre volte prima. Il 9 maggio ha tentato di chiedere asilo al porto di ingresso di San Ysidro (SYPOE) al confine tra Stati Uniti e Messico, ma è stata prontamente arrestata dall'ICE.

bella thorne scoppi

Nel corso di tre settimane, Roxsana è stata trasferita al Centro Correzionale della Contea di Cibola a Milano, nel New Mexico, dopo essere stata trasportata attraverso diversi stati con altri detenuti trans che hanno notato un deterioramento della sua salute a causa del rifiuto delle cure mediche. Il comunicato stampa dell'ICE sulla sua morte afferma che era stata programmata per una 'rimozione accelerata' e morì di arresto cardiaco in seguito a complicanze legate all'HIV il 25 maggio, dopo essere stata ricoverata in ospedale appena otto giorni prima.

Il comunicato stampa inoltre porta il nome di Roxsana, illustra in dettaglio la sua storia criminale, menziona nessun altro infortunio e afferma che i detenuti ricevono assistenza medica completa 'dal momento in cui i detenuti arrivano e per tutta la durata del loro soggiorno'. L'autopsia indipendente, tuttavia, ha scoperto che Roxsana ha subito lividi e lesioni 'coerenti con l'abuso fisico con un bastone ... mentre era ammanettata'.

https://twitter.com/TransLawCenter/status/1004457932040359937

Durante un'intervista con BuzzFeed Notizie appena un mese prima della sua scomparsa, Roxsana ha parlato della sua recente decisione di fuggire dall'Honduras dopo essere stata avvicinata dai membri della banda MS-13 mentre tornava a casa. 'Quattro di loro mi hanno violentato e di conseguenza ho avuto l'HIV', ha detto. 'Le persone trans nel mio quartiere vengono uccise e tagliate a pezzi, quindi scaricate in sacchetti di patate'.

Annuncio pubblicitario

L'Honduras ha un tasso ben documentato e notevolmente elevato di violenza contro le persone trans. Le leggi attuali come l'articolo 142, paragrafo 3, della legge sulla polizia e gli affari sociali del 2002 consentono alla polizia di arrestare chiunque si opponga alla 'morale pubblica ... e disturbi la tranquillità dei vicini con la loro condotta immorale', e usa un linguaggio che sembra abbastanza vago da consentire alla polizia di arrestare o brutalizzare le persone trans.

Nel 2016, un appunto delle Nazioni Unite ha indicato l'Honduras come 'uno dei paesi più pericolosi per i difensori dei diritti umani'. Notevoli attivisti come Walter Trochez sono stati assassinati dal colpo di stato politico del 2009 che è stato supportato da membri del governo degli Stati Uniti e cacciato Manuel Zelaya, allora presidente dell'Honduras.

'Sono qui sulla roulotte a causa della discriminazione. Sono trans e non c'è già un impiego per persone in Honduras, tanto meno (per) transessuali, la ventenne Teresa, un membro della carovana di migranti, ha detto in precedenza Teen Vogue, spiegando le sue esperienze come donna trans in Honduras. 'La situazione è davvero brutta in generale e solo amplificata per la comunità LGBTQ. Non c'è lavoro. Ricevi minacce di morte. Non puoi andare in molti posti perché è pericoloso.

'Recentemente, sono stato picchiato gravemente. A volte quando vedono passare persone come me, ti seguono e poi ti picchiano ', ha detto Teresa. 'Ho avuto problemi con le bande - non voglio più vivere lì. La polizia non ci protegge '.

Secondo quanto riferito, Hernandez è il sesto detenuto a morire in custodia dall'ICE dall'ottobre 2017. Un rapporto del 2015 dell'American Immigration Council rileva che un certo numero di strutture ICE, come quella in cui è stato trattenuto Hernandez, 'sono estremamente fredde, spesso sovraffollate e sistematicamente manca di cibo, acqua e cure mediche adeguati ».

Lynly Egyes del Transgender Law Center ha fatto eco a questi risultati durante una conferenza stampa del 26 novembre sulla morte di Roxsana, dicendo: 'Negli ultimi giorni della sua vita, è stata trasferita dalla California a Washington nel New Mexico, incatenata per giorni e giorni. Se era fortunata, le veniva data una bottiglia d'acqua da bere. La sua causa di morte è stata la disidratazione e le complicanze legate all'HIV. La sua morte era completamente prevenibile '.

Di conseguenza, il Transgender Law Center e l'Ufficio legale di R. Andrew Free hanno annunciato lo stesso giorno che era stato presentato un avviso di reclamo per torto in caso di morte nel New Mexico. La CBS News riferisce che l'ICE non ha rilasciato una 'revisione della morte dei detenuti' formale, che è richiesta entro 30 giorni dalla morte in stato di detenzione e, invece, ha riferito che il loro comunicato stampa sulla morte di Roxsana adempie a questo mandato.

Nota dell'editore: Teen Vogue ha scelto di non collegarsi al comunicato stampa che porta il nome di Hernandez.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: 8 giovani honduregni ci hanno detto perché si sono uniti alla roulotte dei migranti