Jacques Colimon, protagonista di 'The Society', mostra la capacità di resistenza di Will e il suo fascino in bocca al lupo per l'audizione

tv

'È qualcosa che è incorporato nel tessuto del personaggio di Will'.

Di Gabe Bergado

buone celebrità da vestire come
13 maggio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Seacia Paul / Netflix
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Per preparare la sua audizione per Netflix La società, Jacques Colimon cercò su e giù per la Melrose Avenue di Los Angeles alla ricerca di una zampa di coniglio. No, non è stato solo per avere un po 'di fortuna durante l'incontro con la squadra creativa dello spettacolo. La scena che stava leggendo con la costar Kathryn Newton in realtà ha una zampa di coniglio, e anche se era un'audizione, voleva portare un po 'di energia nella stanza con il suo fascino.





'La faccia di Kathryn era totalmente impegnata e tutti si erano sciolti', racconta Jacques Teen Vogue. 'È stato così divertente (fornire) che l'energia che normalmente riesco a stabilire intuitivamente in un ambiente teatrale'.

Jacques ha colto per la prima volta l'insetto recitazione in terza media quando era in una produzione teatrale di Fiori per Algernon. Successivamente ha frequentato l'Università del Texas ad Austin, dove ha studiato teatro e danza. Prima di interpretare il ruolo di Will in La società, ha avuto un'infarinatura di apparizioni televisive e si è esibito in diverse produzioni Off-Broadway. Ora, una moltitudine di fan di Netflix può guardarlo nella nuova serie inquietante di un gruppo di adolescenti che tornano da una gita scolastica per trovare una replica del loro ricco sobborgo del Connecticut, ma con la mancanza di ogni singolo adulto. I liceali devono rapidamente capire come sopravvivere quando non c'è autorità, nessuna regola, solo se stessi. Il personaggio di Jacques Will vive in un quartiere di classe inferiore appena fuori dalla città, quindi è effettivamente senzatetto quando si rendono conto di essere intrappolati nella società senza genitori.

Comprensibilmente, ci sono stati molti confronti con il romanzo classico Il signore delle mosche, un libro con il quale il giovane attore haitiano-americano non conosceva molto bene. Ricorda in realtà la scelta tra la lettura del romanzo di William Golding e quello di Harper Lee Uccidere un Mockingbird di nuovo al liceo, essendo andato con quest'ultimo. Anche se l'attore non aveva letto il libro su un gruppo di giovani ragazzi lasciati a se stessi su un'isola deserta, Jacques ha avuto un corso accelerato nei suoi temi aiutando a dare vita alla storia di La società.

'Il (confronto) è decisamente corretto nel senso che, come nel romanzo, un insieme di giovani adulti è costretto a queste circostanze senza autorità, senza apparentemente alcuna via di fuga, e devono trovare la propria strada e i propri mezzi di auto- governare e sopravvivere ', dice. 'Siamo in grado di sperimentare una gamma di scelte che le persone fanno, le cose che le persone fanno senza autorità. E questi sono bambini che non sono necessariamente contaminati dalla politica convenzionale allo stesso modo degli adulti '.

Essendo una delle poche persone di colore e proveniente da un quartiere meno privilegiato, Will porta anche un altro livello nella storia della sopravvivenza. Jacques ha lavorato con il creatore dello spettacolo Christopher Keyser e il regista Marc Webb per dare una svolta a queste sfumature. L'attore ha anche finito per incontrare una donna che gestisce un'organizzazione affidataria che aiuta a trasformare i bambini affidatari in case, ottenendo da lei una visione il più consapevole possibile quando si tratta del suo personaggio.

'Volevo davvero creare un personaggio che riconoscesse la resilienza delle persone a cui sono state date mani molto diverse nella vita', dice. 'Quello che amo di Will è che prende la mano che gli è stata data e cerca davvero di fare il lavoro su se stesso. Quando le cose si fanno davvero difficili, diventa duro. Will prende alcune decisioni di cui in seguito si rammarica, ma è sempre per interesse alla sopravvivenza e alla condivisione delle risorse. Qualcosa che penso che vediamo in comunità e gruppi di persone che non hanno necessariamente gli stessi privilegi degli altri è la generosità. Le persone che hanno sofferto di più sono spesso le più generose e comprensive. È qualcosa che è incorporato nel tessuto del personaggio di Will '.

l'herpes e l'herpes labiale sono la stessa cosa

Il pubblico vedrà lo sviluppo del personaggio di Will durante la prima stagione di La società, insieme a quella zampa di coniglio che ha contribuito a garantire il ruolo di Jacques. Ma ci sono anche molti più personaggi di cui tenere traccia: circa due dozzine di persone che hanno le loro storie e problemi. Cerchi di metterli tutti dritti? Jacques sa che all'inizio può essere un po 'complicato. In effetti, ha un aneddoto sul metodo di un compagno di cast.

Annuncio pubblicitario

'Sono andato a trovare uno dei membri del nostro cast nella loro camera d'albergo quando abbiamo iniziato', dice Jacques, scoppiando in una risatina prima di continuare. 'Avevano un elenco di tutti i nostri nomi accanto a tutti i nomi dei nostri personaggi proprio lì sullo specchio nel loro bagno, in modo che ogni mattina quando si svegliassero, potessero leggere l'elenco e provare a metterlo in testa'.

La società segna il primo ruolo importante di Jacques, ma speriamo di vedere di più in futuro dalla stella nascente. Se controlli il suo sito Web, ha un po 'di mantra quando si tratta della sua arte: 'Tento atti radicali di empatia radicati nella narrativa personale e nella verità collettiva; deliberato e consapevole senza indebite interferenze con l'istinto '. Offre un po 'di spiegazione su questa missione attraverso il suo lavoro.

'Meryl Streep ha detto qualcosa su queste parti apparentemente disparate diventando intrinsecamente simili e questa è l'esperienza umana. È quando siamo in grado di guardare negli occhi di qualcun altro e vedere noi stessi in loro, e loro in noi ', dice. 'È una pratica e un rito molto riflessivi. È un onore raccontare storie che raccontano intimamente una prospettiva che intrinsecamente non è la nostra, ma intrinsecamente umana '.