I finalisti del premio LVMH di quest'anno si concentrano sulla sostenibilità nella moda

Stile

È anche il gruppo più diversificato che presenta ancora due designer africani.

Di Scarlett Newman

27 marzo 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Oggi, gli 8 finalisti del premio LVMH sono stati annunciati a Parigi. In termini di genere, razza e geografia rappresentano la selezione più diversificata di finalisti dall'inizio del premio. Questo avviene in un momento in cui la moda si sta ritenendo responsabile della mancanza di diversità e inclusione che è presente nel settore da troppo tempo. Quest'anno, la maggior parte dei concorrenti sta mettendo la sostenibilità al primo posto dei propri marchi e si vanta della consapevolezza ambientale e dell'implementazione di cambiamenti etici nella moda.





Dal 2013, il premio LVMH ha elevato i giovani designer di tutto il mondo e ha fornito loro gli elementi essenziali e gli strumenti necessari per gestire un'azienda di moda di successo. Il vincitore riceverà 300.000 euro in denaro e sarà abbinato a un mentore di moda che li aiuterà a stabilire gli aspetti fondamentali del proprio marchio. Il vincitore del premio LVMH sarà annunciato a giugno. Questa sarà la prima giuria che non include il compianto Karl Lagerfeld.

ariana grande capelli biondi 2016

Continua a scorrere per conoscere gli otto finalisti

Kunihiko Morinaga, Anrelage

Kunihiko Morinaga è un designer con sede a Tokyo. Il suo marchio Anrelage è stato fondato nel 2003, mostrando la sua prima collezione pubblicamente nel 2006. Il marchio è noto per i suoi intricati patchwork e forme scultoree in cui Morinaga è in grado di incorporare tecnologie di design innovative come gli indumenti che respingono il segnale del telefono

Bethany Williams

Bethany Williams è una designer londinese che si concentra sul laser sulla sostenibilità e la coscienza sociale con il suo omonimo marchio, fondato nel 2017. La sua filosofia di design ruota attorno all'esplorazione di soluzioni di design innovative attraverso materiali di origine etica, ognuno dei suoi pezzi è 100 % sostenibile.

Emily Adams Bode, BODE

Annuncio pubblicitario

Emily Adams Bode è una designer di abbigliamento maschile di lusso dietro il marchio Bode di New York, lanciato nel 2016. Emily attinge a racconti personali per creare moderne silhouette da lavoro, incorporando tradizioni centrate sul femminile di trapuntatura, rammendo e applique in ciascuna delle sue collezioni . L'anno scorso è stata finalista per il CFDA /Voga Fondo moda.

Hed Mayner

Hed Mayner è un designer israeliano con sede a Parigi dietro l'omonimo marchio lanciato nel 2013. I suoi disegni, ispirati alla sartoria ebraica ortodossa e ai capispalla militari, hanno un'enfasi sulla fluidità di genere e gli elementi di spiritualità e forza offrono un unico lusso ai suoi capi.

stella jeffree n parola

Kenneth Izedonmwen, Kenneth Ize

Il designer nigeriano Kenneth Ize ha fondato il suo omonimo marchio nel 2013. Ize riunisce una varietà di tessuti ed esperienze interculturali per creare un'idea unica di ciò che può essere il lusso. Attraverso metodi di costruzione più antichi come la tessitura e l'incombenza, è in grado di eseguire pratiche sostenibili nei suoi progetti.

Spencer Phipps, Phipps

Spencer Phipps è un designer americano con un'attenzione etica al cambiamento del rapporto che la moda ha con l'ambiente. Il marchio è stato fondato nel 2017 ed è specializzato in pratiche di produzione sostenibili che includevano l'approvvigionamento di materiali eco-compatibili. Phipps presenta capispalla strutturati, magliette e capi tascabili nelle sue collezioni e spera che il messaggio di 'educazione' (nel regno della moda etica) sia sempre trasmesso attraverso i suoi abiti.

Stefan Cooke e Jake Burt, Stefan Cooke

Stefan Cooke disegna pensando all'abbigliamento accessibile e alla moda del banale. Il marchio è stato fondato nel 2017 ed è composto da Stefan Cooke e Jake Burt, due neolaureati della Central Saint Martins che descrivono i loro capi come 'sartoria e bei pantaloni'. Stefan Cook ricostruisce capi realizzati con materiali più resistenti in silhouette più morbide e avvolgenti. Nel 2018, hanno vinto il premio per il design H&M, un premio per aiutare a lanciare le carriere dei recenti laureati in design.

posizioni per alleviare i crampi

Thebe Weeds

Dal 2015, la designer sudafricana Thebe Magugu ha creato un marchio omonimo che guarda alla novità e alla cultura per migliorare il modo in cui le donne si vestono. I design del marchio funzionano all'intersezione della modernità e della ricca storia e del continente poliedrico dell'Africa.